mercoledì , 25 maggio 2022
Novità
Home » miscellanea » Olimpia MOKAOR – Villanova Mondovì.

Olimpia MOKAOR – Villanova Mondovì.

REGALIAMO LETTERALMENTE la vittoria nel primo parziale ed il VILLANOVA Mondovì – passata la paura – ritrova le sue certezze da capolista e comincia, pian pianino, a scalfire le nostre riuscendo a girare a proprio favore il trend della partita. Il punteggio finale (0 a 3) forse ci sta stretto ma quando non si chiude un set dopo esser giunti sul punteggio di 24 a 21… non possiamo prendercela con nessuno: è giusto così. Quindi, tanto di capello ai nostri avversari…

La gara.

Olimpia MOKAOR – VILLANOVA Mondovì: 0 – 3.
(25/27; 21/25; 18/25).
Mormone (1); Vincenzi (12); Piazzano (11); Bertolini (4); Gherardi (10); Caramaschi (6); Carisio (L); Vancetti (0); Marcotto (0); Innocenti (0); Oppezzo (0); Abate.
Allenatore: Roberto Coscia; Vice all.: Sergio Vigliani.

Al fischio d’inizio, guardo gli spalti del pala Piacco e mi sfugge un triste: “Pubblico da grandi occasioni!”. Mal contati saranno presenti una ventina di spettatori! Il nostro Comitato regionale dovrà rivedere un’attimo le proprie convinzioni in merito agli orari d’inizio gara! Detto questo che non centra nulla, resti veramente allibito perchè se non abbiamo neanche un pò di gente quando va in scena uno scontro come questo…

A dispetto degli assenti, partiamo davvero alla grande ed annichiliamo i nostri avversari; Bertolini dal servizio fa davvero male e piazziamo un primo pesante break (5-1). Continuiamo a giocare bene e rispondiamo colpo su colpo ai cuneesi (10-5). Il set entra nel vivo ma siamo attenti e respingiamo al mittente ogni tentativo di rimonta (15-11; 20-15). Il Villanova sembra aver preso le misure al Piacco e comincia a farci sudare un pò di più per mantenerli a distanza ma, in ogni caso, ci portiamo al primo set ball con quattro punti di vantaggio (24-20). Set chiuso? Per me , si ma non per i nostri avversari che conquistano il cambio palla (24-21); servono con il loro opposto che trova un ace (24-22) poi un servizio vincente (24-23). Tutto questo che, come si dice, ci sta, non sarebbe servito a nulla se il nostro successivo attacco non colpisse la panchina avversaria (24-24). Patiamo oltre il lecito l’episodio, andiamo in affanno mentre, passato lo spavento, i cuneesi difendono e contrattaccano chiudendo il set alla prima occasione (25-27). Dire amarezza è un eufemismo! Increduli cambiamo campo ma, fortunatamente, manteniamo un buon atteggiamento e ripartiamo in maniera aggressiva (5-2) come se nulla fosse accaduto (10-7). Purtroppo però, non è così! Abbiamo concesso ai nostri avversari una rimonta non impossibile ma almeno insperata e, proprio per questo, ora giocano più sciolti e cominciano a far vedere perchè sono primi in classifica. Pian piano le nostre sicurezze vacillano (15-14); la nostra ricezione va in tilt (16-18) mentre il nostro attacco non trova più sbocchi (17-20). Ci proviamo in tutti i modi ma il Villanova gioca da grande squadra e chiude il set in crescendo (21-25). Sotto due a zero, non è davvero facile ma abbiamo ancora un’ottima partenza (5-1) anche se sembra che gli ospiti giochino “al gatto e al topo”. Mi spiego meglio, sembrano una locomotiva diesel; partono piano ma poi, una volta lanciati, non si fermano più. Nel primo set lo hanno fatto nel finale, nel secondo dopo il “15” ed ora… Purtroppo, in questo parziale, pestano subito sull’acceleratore e si riportano sotto (6-6). La partita sale di tono e si gioca palla su palla (9-10). Piccolo inciso: sugli spalti ora c’è davvero tanta gente anche se si notano alcune figure inquietanti che non si capisce che cosa siano venuti a fare (ndr. anzi si capisce…!). La nostra ricezione tiene bene e la gara è ancora apertissima (14-15). Il nostro attacco fa una fatica mostruosa e ci becchiamo sei muri (sei!) consentendo ai nostri avversari di allungare (18-20; 18-22). La gara termina qui! Non ci riesce più nulla mentre i cuneesi volano (18-25).
Occasione buttata? Non so, forse si, forse no… vincere il primo set non vuol dire vincere la gara ma… si comincia da li! Siamo stati noi a perdere il primo set ma è anche vero che sono stati gli avversari a vincere la partita quindi… colpo di spugna e ricominciamo… come facemmo all’andata. Una cosa è certa il Villanova Mondovì non lo rivedremo per un bel pò di tempo anzi, mi aguro, fino alla prossima stagione… e magari…

Abbiamo perso una battaglia, non certo la guerra! Anzi… a ben guardare…

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*