giovedì , 12 dicembre 2019
Novità
Home » miscellanea » Rosso Officine MOROZZO vs Olimpia MOKAOR: 1-3.

Rosso Officine MOROZZO vs Olimpia MOKAOR: 1-3.

Olimpia MOKAOR   vs   Rosso Officine MOROZZO

UNA GRAN BELLA GARA…

… quella disputata dai “Boys” sul campo del Morozzo! Un campo che, statene certi, si rivelerà molto ostico per tanti. Per quanto ci riguarda, abbiamo ottenuto tre punti importantissimi, giocando due set in maniera pressoché perfetta, subendo il ritorno dei padroni di casa nel terzo parziale ma chiudendo con grande determinazione e voglia di vincere il quarto set. Abbiamo fatto un bel passo avanti tant’è che, più dei singoli, sono piacevolmente sorpreso dalla prova corale di tutto il nostro organico. Se proprio devo indicare qualcuno (non lo farò più, giuro!) non posso non sottolineare la prova davvero eccellente di Christian Salza.

La cronaca. L’ambiente si mostra un po’ freddino e la notizia che, forse, avremo il piacere di fare la doccia fredda (fortunatamente non sarà così) ci fa un po’… arrabbiare. Il riscaldamento pre gara non è proprio dei migliori; forse un “cicinin” di tensione di troppo intorpidisce i muscoli degli atleti. E’ sufficiente, comunque, il primo fischio del direttore di gara per “risvegliare” tutti quanti! Le due compagini si affrontano a viso aperto e la palla comincia a fischiare senza soluzione di continuità. Si gioca punto a punto con i padroni di casa che tentano di approfittare del fattore campo (5-4) ma siamo bravi a rintuzzare i loro attacchi andando a condurre meritatamente (7-10). Vincenzi dal servizio, trova la chiave per mettere in difficoltà la ricezione cuneese ed otteniamo un break pesantissimo (7-15). A nulla valgono i richiami del coach ospite: continuiamo a macinare gioco e punti (11-20) e chiudiamo con grande determinazione il primo set (15-25): Secondo set. Il Morozzo non ha nessuna intenzione di fare la vittima predestinata ed inizia di gran carriera (5-2). Non ci fasciamo, fortunatamente, la testa e punto su punto come assennate formichine ci riportiamo sotto (10-9); diamo un’accelerata spaventosa ed il punteggio ci da di nuovo ragione (11-15; 15-20). Consapevoli di non poter gingillarci, continuiamo a picchiare ed il Morozzo accusa il colpo (16/25): due a zero con due frazioni giocate davvero bene! Terzo set. Contrariamente al solito, questa volta partiamo bene (3-5) continuando a giocare ad un buon livello (7-10) ed il Morozzo sembra accettare quanto sta accadendo in campo ma, come spesso accade in questi casi, è sufficiente giocare con un po’ meno di cattiveria che gli avversari ritrovano subito gioco, punti, coraggio e si riportano prepotentemente in partita. La partita sale ancora di tono ma sono i padroni di casa che, consci di avere l’ultima possibilità di riaprire la gara, “tirano” a tutto braccio qualsiasi cosa passi sopra la rete (14-15; 19-20). Un nostro errore, concede il vantaggio ai cuneesi ed un secondo “regala” il set al Morozzo (25-23). La partita ora si accende sul serio: nessuno ci sta a cedere il passo e si gioca punto a punto (4-5; 8-10). Troviamo ancora energie sufficienti per imporre un nuovo scossone al ritmo di gioco ed allunghiamo (9-15). Sembra fatta salvo far tornare pericolosamente vicini i cuneesi (14-18; 17-20;20-22). Un muro inappellabile di Salza chiude la porta all’attacco ospite (20-23); un servizio “avvelenato” di Marcotto inchioda la ricezione cuneese (20-24); un attacco a tutto braccio di Argentero chiude set ed incontro (21-25). Che bella vittoria!!! Complimenti – di cuore – ai padroni di casa che non hanno mai mollato nonostante la situazione non fosse certo delle più rosee. Sappiate che non sarà facile per nessuno venire a far punti in casa del Morozzo e men che mai a vincere! Questi sono dei punti davvero pesanti: bene, anzi benissimo!

Rosso Officine MOROZZO vs Olimpia MOKAOR: 1 – 3.

(15/25; 16/25; 25/23; 21/25).

Fracassina (0); Argentero (25); Vincenzi (12); Piazzano (14); Gherardi (8); Salza (15); Carisio (L); Innocenti (0); Protano (0); Mattiussi (0); Marcotto (3); Costanzo (0).

Allenatore: Roberto Coscia; Vice all.: Sergio Vigliani.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*